aumenti
Aumentiamo il costo della tua tariffa di telefonia mobile, ma sarairicompensato!
Patrizia Onori su uiciechi.it, 2013-10.

Ogni tanto le compagnie telefoniche ritoccano, per così dire, le tariffe
applicate agli utenti per telefonate, sms, connessioni ad internet ed altri
servizi. Le variazioni, sempre al rialzo, sono annunciate con un sms inviato
sul cellulare del cliente, nel quale, tra l’altro, il gestore avverte che è
possibile recedere dal contratto entro 30 giorni.

Per “addolcire la pillola”, alcune imprese di telefonia mobile, offrono in
cambio promozioni temporanee gratuite o a costi agevolati, come compenso per
la maggior spesa che l’utente dovrà sostenere per effetto dei rincari
tariffari.

Qualche anno fa, Wind e TIM hanno “aperto le danze”, modificando profili ed
aumentando il costo delle telefonate, senza però offrire nulla in cambio ai
consumatori. Più di recente, invece, Vodafone ha inaugurato il nuovo sistema
e l’anno scorso ha aumentato le tariffe voce ed sms di quasi tutti i
profili, compensando i clienti con la possibilità di attivare, entro il 31
dicembre 2012, la promozione “Free Sunday Tutti”, che permette di telefonare
gratis a tutti illimitatamente tutte le domeniche per un anno.

Ottenere la ricompensa era semplicissimo e, soprattutto, completamente
gratuito! Era sufficiente comporre il numero 42100 dalla SIM sulla quale era
arrivato l’sms, seguire la voce guida, che richiedeva la digitazione del
numero uno per diverse volte e il gioco era fatto! Peccato, però, che l’anno
si sta concludendo per tutti i clienti e la promozione finisce, ma le
tariffe restano quelle stabilite con gli aumenti del 2012!

Vodafone, bontà sua, a beneficio dei “comunicatori della domenica” che
proprio non riescono a fare a meno dell’apparecchio mobile nel giorno di
festa, sta proponendo di continuare, pagando però, per questo privilegio,
due euro al mese.

Anche TIM, per non sentirsi da meno rispetto al colosso internazionale, ha
imitato il concorrente, aumentando, nella scorsa primavera, molti profili,
con incrementi consistenti delle tariffe voce, sms e di connessione al web.
Così, ricevuto il temuto sms, il cliente, se vuole avere notizie più
specifiche sulle modifiche contrattuali, deve comporre il numero gratuito 40
91 68 per le tariffe voce ed sms, e il 40 91 67 per i nuovi costi delle
connessioni ad internet, potendo attivare nel termine fissato dal gestore,
la promozione offerta gratuitamente come piccolo compenso.

TIM, seguendo anche in questo le orme di Vodafone, sta offrendo a molti suoi
clienti colpiti dagli aumenti, la promozione “Domenica sms”, che permette a
coloro che l’attivano gratuitamente entro il termine stabilito di inviare
fino a 500 sms gratuiti verso tutti ogni domenica per un anno. Chissà se, al
termine del periodo, anche TIM cederà alla tentazione di prorogare la
promozione, facendosi pagare un canone mensile o settimanale, approfittando
del fatto che i propri clienti ormai si sono abituati a festeggiare il
giorno di riposo scrivendo a volontà sulla tastiera del cellulare?

Oltre ai maggiori utili derivanti dagli incrementi tariffari, quindi, i
gestori di telefonia mobile aggiungono al cliente altri costi, costituiti
dal prezzo periodico delle promozioni, in principio gratuite e temporanee,
contando sul fatto che per la maggior parte delle persone ciò che è
superfluo, con l’abitudine, diventa indispensabile ed irrinunciabile, anche
se comporta ulteriori costi.

Attenzione, per le promozioni a soglia che prevedono minuti, sms o traffico
internet limitati, a tenere sotto controllo i consumi! Per Vodafone è
sufficiente comporre il numero gratuito 414 e seguire la voce guida, mentre
TIM mette a disposizione un servizio vocale al quale si può accedere
direttamente, componendo il numero 40 91 61.

Buona comunicazione in libertà! Anche se la gratuità è solo apparente,
perché, in realtà, il prezzo del servizio il gestore ve lo potrebbe far
pagare in modo occulto, con gli aumenti tariffari o, addirittura, ve l’ha
già addebitato in modo subdolo, senza che voi ve ne accorgiate!

`***********`

Per ulteriori spiegazioni scrivere a: `Patrizia Onori
patrizia.onori@gmail.com`_
Torna all'indice